La fotografia è il linguaggio universale, la lingua del cuore e delle emozioni

Una fotografia dice più di mille parole, trasmette emozioni, messaggi, suscita ricordi. Raccontare con le immagini è un mestiere bellissimo, parlare al cuore della gente senza usare le parole, giocare con la luce, suonare con le forme, citare momenti...

La fotografia è una lingua che bisogna saper parlare ma che tutti sanno capire.


Il compito del fotografo è quello di tradurre in immagini universalmente comprensibili quello che ha nel cuore e vuole esprimere.

Il compito del fotografo commerciale è quello di tradurre in immagini ciò che il suo cliente vuole comunicare, in modo che tutti possano comprendere in maniera univoca quel messaggio.

 

Sono di base a Merano, in provincia di Bolzano, Trentino Alto Adige ma mi muovo regolarmente in tutta l'Italia e oltre. Mi occupo prevalentemente di comunicazione turistica ma come puoi vedere dalle mie foto opero anche nel campo dei matrimoni e di tutti i tipi di evento.

Naturalmente tra le mie attività c'é la fotografia pubblicitaria, fotografia di prodotto, cataloghi, still life e tutto ciò che riguarda l'immagine.

Eseguo ritratti in studio per ogni tipo di esigenza. Se vuoi una bella foto per il tuo profilo di Facebook, Twitter, Meetic eccetera, non esitare a contattarmi.

 


E' un'illusione che le foto si facciano con la macchina... si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa.

Henri Cartier-Bresson


 

Un oggetto o un corpo dall'aspetto comune, se osservati con vera attenzione, si trasformano in qualcosa di sacro. La macchina fotografica può rivelare i segreti che l'occhio nudo o la mente non colgono , sparisce tutto tranne quello che viene messo a fuoco con l'obiettivo. La fotografia è un esercizio d'osservazione e il risultato è sempre un colpo di fortuna: tra le migliaia di negativi che riempiono diversi cassetti del mio studio quelli eccezionali sono veramente pochi. La macchina fotografica è uno strumento semplice, anche il più stupido può usarla, la sfida consiste nel creare attraverso di essa quella combinazione tra verità e bellezza chiamata arte. E' una ricerca soprattutto spirituale. Cerco verità e bellezza nella trasparenza d'una foglia d'autunno, nella forma perfetta di una chiocciola sulla spiaggia, nella curva d'una schiena femminile, nella consistenza d'un vecchio tronco d'albero e anche in altre sfuggenti forme della realtà. Alcune volte, mentre lavoro su un'immagine nella mia camera oscura, fa la sua comparsa l'anima di una persona, l'emozione di un evento o l'essenza vitale di un oggetto, e allora il cuore mi trabocca di felicità e libero il pianto, non riesco a farne a meno.

Tratto da "Ritratto in seppia" di Isabel Allende

Marco Bonatta - Fotografo a Bolzano, Merano, Trento